Punture di insetti. I rimedi davvero efficaci.

Per difendersi dalle punture di insetti non tutte le strategie si rivelano efficaci. Ma quali rimedi preferire dopo che ormai siamo stati punti?

Le punture di insetti, in particolare di zanzara, sono un incubo che si ripresenta ogni estate. E come se non bastassero questi fastidiosi insetti a tormentarci – soprattutto di notte –  formiche, api, tafani e zecche possono aggredirci mentre siamo comodamente sdraiati su un prato o rilassati a gustarci un bel picnic. La prima arma di difesa ovviamente è la prevenzione. Repellenti per insetti da applicare sulla pelle o altre sostanze da diffondere nell’aria – come anche le zanzariere – rappresentano le barriere più utilizzate per evitare le fastidiose punture di insetti. Purtroppo però non sempre possiamo contare sui migliori strumenti difensivi per tenerci al riparo dalle molestie degli insetti.

Primo passo: la prevenzione

Ci sono diverse false credenze in merito alle punture di insetti, per cui può capitare anche di adottare strategie ben poco efficaci. Riguardo le zanzare, per esempio, è molto comune ritenere che spegnere le luci in casa ci metta al riparo dal loro attacco. Purtroppo non è vero.  Ad attirare questi insetti è il calore del corpo e anche alcune sostanze che emaniamo con il sudore. Una brutta notizia per gli appassionati di birra: questa bevanda fa aumentare la quantità di etanolo e acetone nel sudore, sostanze che attirerebbero le zanzare. Siamo anche abituati a pensare che alcune piante allontanino i tanti odiati insetti. Ciò può essere confermato in particolare per la citronella. Ma per quanto riguarda timo, rosmarino e chiodi di garofano, decisamente meglio usarli in cucina. Contro le zanzare non avrebbero alcun effetto.
Ma compreso cosa è bene fare o non fare per scongiurare il rischio di punture di insetti, in particolare di zanzare, come comportarci quando ormai siamo stati punti?

Le conseguenze delle punture di insetti

Il problema delle punture di insetti è senza dubbio rappresentato dal fatto che provocano sulla pelle manifestazioni quali pomfi, arrossamenti e prurito. Il prurito è un vero e proprio fattore di rischio in quanto, spingendoci a grattarci, può provocare lesioni cutanee che favoriscono l’ingresso di batteri. E così all’infiammazione causata dal liquido che l’insetto inietta nel momento in cui punge (nel caso della zanzara per esempio si tratta di sostanze anticoagulanti e anestetizzanti) si aggiunge la possibilità di infezioni.

Rimedi casalinghi

Alcuni rimedi casalinghi possono costituire una rudimentale forma di primo soccorso. Applicare del ghiaccio sul pomfo può essere utile in quanto contribuisce a restringere i vasi sanguigni limitando la diffusione della sostanza irritante iniettata dalla zanzara. Tra i rimedi classici possiamo citare anche la cipolla, in grado di alleviare il prurito soprattutto nel caso in cui in casa non disponiamo di lozioni dopo puntura. Naturalmente l’aspetto meno gradevole di questo rimedio è rappresentato dall’odore.

Il migliore aiuto offerto dalla natura

In natura esistono pochi rimedi per lenire prurito e irritazioni efficaci quanto l’Aloe. In caso di punture di insetti agisce rapidamente per migliorare le condizioni cutanee e con effetto anti-rossore. In Aloe Picky l’efficacia del gel d’Aloe viene arricchita dall’azione di alcuni attivi naturali specifici: Zantalene per alleviare il prurito, olio essenziale di Tea Tree per ridurre edemi e gonfiori e olio essenziale di Lavanda, che allontana gli insetti per evitare di subire altre punture. Questo dopo-puntura efficace e tutto naturale è l’ideale in caso di puntura di zanzara, ma anche di altri insetti. E si può rivelare un aiuto importante anche al mare, quando può capitarci di essere punti da una medusa. La sua azione lenitiva è infatti altamente efficace anche in questo caso. Scopri qui la pagina dedicata al prodotto. E se vuoi un repellente per insetti tutto naturale, non solo ben tollerato dalla pelle ma in grado di idratarla senza ungere né appiccicare, ecco un’idea per crearne uno con pochi semplici ingredienti: aggiungi a del Gel Primitivo d’Aloe qualche goccia di olio essenziale di geranio.  La sua delicatezza si presta benissimo anche all’applicazione sulla pelle dei bambini.