Il peso della digestione sulla linea

Il peso della digestione sulla linea
Quando un rallentamento si trasforma in chili di troppo… che a loro volta trasformano la silhouette.

La digestione cambia con te.

Chi non si è vantato, da giovanissimo, di poter digerire qualsiasi cosa? Con il passare del tempo diventa tutto più difficile e un alimento che una volta non dava fastidio si trasforma in un portatore di problemi. Sono tanti i fattori che contribuiscono a variare le condizioni della digestione: è facile che i parametri cambino quando mangiamo un cibo nuovo, magari con condimenti estranei alle nostre abitudini. Le condizioni atmosfere possono influire anche negativamente sulla digestione, basti pensare alla sensazione di blocco che si impossessa dell’organismo a causa di un colpo di freddo. Anche le abitudini di movimento o sedentarietà producono dei cambiamenti sia nella digestione che nella motilità intestinale, questo perché il movimento agisce come una specie di “massaggio” agli organi interni, agevolandone la funzione.

Dalla digestione al peso, una questione di lentezza.

Masticare velocemente, mangiare velocemente, ritornare subito al lavoro o addirittura mettersi a letto. Soprattutto dopo un pasto pesante, questo dovrebbe essere evitato. Il problema non è soltanto la lentezza della digestione, ma il sovraccarico dell’organismo il quale si trova a far fronte a quella che per lui rappresenta un’emergenza: all’improvviso un’ondata di cibo e bevande da “compostare”. Tutto quello che non ha la chance di essere smaltito, per ovvie ragioni si accumula all’interno del corpo. È il momento di un aiuto.

Il gonfiore non conosce taglia.

Non esiste una taglia che sia al riparo dal gonfiore, principalmente perché questo non dipende dalla quantità di grasso corporeo, ma dalla felice (o infelice) esecuzione del processo digestivo. In natura esiste un frutto ideale per facilitare questo meccanismo: l’ananas. Frutto ricco di enzimi, se consumato a fine pasto supporta il lavoro degli enzimi già presenti nella bocca aiutando a pre-digerire gli alimenti che stiamo assumendo. Si avverte una sensazione quasi impercettibile di pizzicorio sulla lingua: è “colpa” della Bromelina, un enzima molto particolare con una miriade di proprietà, fra le quali il supporto alla digestione delle proteine.

Garcinia cambogia e Matè amici della linea.

Se gonfiore e pesantezza stanno interferendo con la tua idea di silhouette perfetta, conta su Super Ananas Slim, l’integratore alimentare buono come un succo d’ananas appena spremuto (ma senza il contenuto zuccherino tipico dei succhi). La Garcinia cambogia e il Matè sono preziosi alleati del metabolismo dei grassi: ciò significa che il corpo può contare su di loro quando si trova nella situazione in cui una dieta bilanciata e l’attività fisica non sembrano più essere sufficienti per ritornare in forma. La natura ha pensato proprio a tutto: non ti offre solo una soluzione per migliorare la digestione e contrastare gli inestetismi della cellulite, ma ti aiuta anche a controllare il peso.