Crackle Technology ®

Crackle Technology ®

Crackle Technology by Zuccari

crackle technology ® è un brevetto ZUCCARI che consiste in una tecnologia studiata per migliorare la penetrazione cutanea di ingredienti funzionali.

crackle technology ® è una tecnologia “vuota”, in quanto può essere utilizzata per creare qualsiasi prodotto specifico ad uso topico. La tecnologia può essere dunque utilizzata, per esempio, per creare prodotti contro la cellulite o contro la caduta dei capelli, che necessitano di una penetrazione profonda dei principi attivi.

crackle technology ® è una miscela di gas che può essere mescolata con qualsiasi principio attivo o eccipiente, e inserita in una bomboletta pressurizzata. Una volta esposta a contatto dell’aria, questa miscela inizia a crepitare delicatamente grazie a delle “microesplosioni” che danno la sensazione di avere una mousse croccante sulla pelle.

Una volta applicata sulla pelle la miscela contenente la crackle technology ®, basta un leggero massaggio per indirizzare le forze dovute alle microesplosioni e favorire la penetrazione dei principi attivi nei livelli più bassi della pelle.

L’efficacia del prodotto si vede e si sente! Quando si applica la crackle technlology ® sulla cute, il leggero pizzicore è sottolineato dal fragoroso scoppiettio che rende unico ogni prodotto firmato crackle technology ®.

Test clinici condotti presso la prestigiosa Università degli Studi di Ferrara, dimostrano che i principi attivi veicolati con crackle technology ® penetrano più a fondo rispetto all’applicazione di gel o di normali creme. I risultati parlano chiaro: […] è emerso che la mousse croccante con crackle technology ® induce un incremento di penetrazione del metilnicotinato (principio attivo scelto per il test, ndr), riscontrabile nei primi 5’, provocando un maggior aumento di temperatura nell’area di applicazione. Consulta l’estratto dello Studio Clinico/Strumentale.

 

crackle technology® ha raggiunto lo status di brevetto il 15 febbraio 2010 (n° di brevetto 0001370409).

Nessun commento ancora

Lascia un commento